top of page

Perché iniziare a cantare in gravidanza?

6 benefici e strumenti che ti può dare la tecnica vocale in gravidanza e al parto

Un vecchio detto dice: canta che ti passa!


Ma che cos'è che ti passa?!

La paura, ad esempio. Quelle preoccupazioni che ti occupano la mente ma mica ti aiutano tanto... tipo quelle che potresti avere in vista del tuo parto (forse) o legate alla gestione della vita con un neonato, ai nuovi equilibri...


Lasciatelo dire: la maggior parte delle paure sono condizionamenti sociali che poco hanno a che vedere con te, il tuo corpo, il tuo bambino o bambina, ma che arrivano da qualche frase che hai sentito o che ti hanno detto... ma di questo parliamo più approfonditamente nel laboratorio Il Parto Positivo. Qui vorrei parlarti del potenziale della tua voce, del canto e della musica in questo periodo unico e speciale che è la gravidanza.


Ti vorrei raccontare quali strumenti incredibili possiedi e puoi potenziare con esercizio e pratica e quanti benefici ti possono dare.

Ecco 6 motivi per iniziare a cantare (bene) in gravidanza!


1 _ Rilassare mente e corpo


Attraverso la pratica di una buona tecnica canora lavori sulla concentrazione, sulla capacità innata della tua mente di concentrarsi nel qui e ora. Una buona postura, controllata ma morbida e fluida, ben radicata a terra ma alla ricerca costante di un equilibrio che cambia assieme alle note della canzone che stai cantando.

Piedi saldi, gambe leggere. Corpo verticale, schiena rilassata. Ascolto attento, libertà di emissione del suono.

Cantare, con la consapevolezza e il controllo della tua voce, ti permette di lavorare sul rilassamento mantenendo la concentrazione, alla ricerca di una libertà che ti consente di lasciar andare. Necessaria al cantante così come alla donna al momento del parto.

2 _ Gli ormoni


Il canto attiva la produzione di alcune sostanze potentissime che si diffondono attraverso il sangue in tutto il tuo corpo: le endorfine, ad esempio, che oltre a farti stare proprio bene, indovina un po'?, sono pure i nostri antidolorifici naturali! Mica una roba di poco conto se il travaglio si avvicina ;-) E poi anche l'ossitocina, l'ormone dell'amore, che poi è anche lo stesso che guida e velocizza le onde del travaglio! (uso appositamente onde al posto di contrazioni... te lo spiego nel prossimo post il motivo, ok?)

Questi cocktail ormonali si attiveranno già naturalmente dentro di te il giorno della nascita e ti accompagneranno durante il travaglio. Perché non prepararli già 'scaldati' nel periodo che lo precede? Puoi godere dei benefici di questi ormoni meravigliosi fin dalla gravidanza e poi anche nel post parto.


3 _ Una respirazione potente


Il motore del canto è il respiro. Un respiro potente, rilassato, controllato, libero.

Mentre canti il tuo corpo di riempie di aria in maniera naturale, istintiva. Si allena ai grandi respiri che farai mentre le onde ti avvicineranno a conoscere il tuo bambino o la tua bambina.

Come qualsiasi altro muscolo i polmoni si allenano a lavorare alla loro massima capacità, la respirazione ampia diventerà un automatismo, di enorme aiuto anche al momento del parto.


4 _ Linguaggio


La musica è un linguaggio che parla direttamente alla parte più profonda del tuo cervello.

Hai presente quando sei li che ti fai gli affari tuoi, che guidi o che fai la spesa con la radio in sottofondo? E poi, tac, parte quella canzone che... ti emoziona nel profondo! Senti il ritmo dei battiti salire, una lacrima magari che si fa spazio per uscire, o un sorriso che non puoi trattenere...

La musica parla con la stessa parte del cervello che parla al tuo utero! (anche di questo ti parlo un altro post... oppure vieni a uno dei miei lab Il Parto Positivo!)

Proprio quella parte di cervello, il cervello limbico, che ti servirà per far nascere il tuo bambino.

Scegliere le canzoni della playlist per il parto, quali cantare al tua piccolino nella pancia, può davvero fare una bella differenza allora, non trovi?

La vostra canzone l'avete già scelta tu e il tuo bambino?

E se a scrivergliela fossi proprio tu?





5 - Laringe e collo dell'utero sono collegate!


Lo sapevi che l’apparato fonetico e l’apparato genitale si formano dallo stesso foglietto embrionale nei primi giorni di divisione cellulare?

Questo ci racconta di come ci sia un collegamento stretto tra ciò che accade nella tua gola e ciò che accade alla tua cervice uterina!

Prova tu stessa: se pensi ad una situazione pericolosa o stressante la tua gola di chiude, si intesisce e così fa allo stesso modo il tuo pavimento pelvico. Lo senti?
Ora respira a fondo, rilassa, magari rilascia mandibola e lingua arrese alla forza di gravità, bocca leggermente aperta: cosa accade alla tua area pelvica? Senti come si rilassa, si apre?

Ora sai che quando apri, rilassi, ammorbidisci la tua laringe, cosa automatica quando emetti suoni vocali corretti e piacevoli, stai lavorando anche alla tua zona pelvica.

Se non è questo un buon motivo per prepararsi al parto cantando... ;-)


6 _ Riconoscere la tua forza


Cosa prova la cantante quando emette quella nota aperta, libera, potente?

Prova un senso di forza, di profonda connessione col proprio corpo e il proprio essere.

Questo proverai anche tu al momento della nascita.

La voce può essere uno strumento di ri-connessione, di riconoscimento della forza incredibile che hai dentro di te!

Esistono suoni e posture che possono favorire la fase finale del travaglio e che puoi scoprire ed esercitare per valutare se fanno per te, se tenerle nelle tua personale 'cassetta degli attrezzi' del parto.


In conclusione: cantare è bello, fa stare bene, è divertente ed emozionante, sigilla il legame unico e speciale tra te e il tuo bambino o bambina nella pancia.

Che aspetti!

E' ora di scegliere una canzone, un mantra, una melodia e cantare!


Se desideri una guida in questo viaggio, contattami.

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page